Firmato Rinnovo CCNL ANIA

In data 7 marzo, a Roma, è stata raggiunta l’intesa tra le Organizzazioni sindacali del settore e l’Ania che rinnova il contratto nazionale di categoria. L’accordo pone la parola fine ad una lunga ed estenuante trattativa di un contratto ormai scaduto da oltre due anni, contrassegnato da forti contrapposizioni delle Parti, culminate in molteplici e diversificate forme di mobilitazione della categoria.

Vai al Comunicato

Annunci

ANIA: Interrotte le Trattative di Rinnovo del CCNL

La trattativa per il rinnovo del CCNL si è interrotta per esclusiva responsabilità della delegazione dell’Ania che ha dimostrato la propria incapacità a cogliere le disponibilità del sindacato ed ha, al contrario, riproposto integralmente le sue richieste di contro piattaforma sui temi dell’orario di lavoro (venerdì pomeriggio e diversa distribuzione dell’orario di lavoro) e del call center (totale flessibilità e fungibilità), a fronte di una offerta economica del 5,74% che le OO.SS. ritengono assolutamente insufficiente.

Vai al Comunicato

Lunedi 28 Marzo 2011 Sciopero Assicurativi ANIA

Le trattative per il rinnovo del contratto nazionale del comparto assicurativo sono interrotte per responsabilità dell’Associazione delle Imprese che, invece di dare risposte credibili alla piattaforma presentata dalle Organizzazioni Sindacali, persegue un progetto contrapposto di smantellamento dei diritti acquisiti, al fine di avere mano libera nella gestione del personale e delle Aziende. Non possiamo permettere che il settore assicurativo arretri le proprie tutele e non soddisfi le legittime aspirazioni dei Lavoratori, che costituiscono una parte fondamentale delle Imprese.

Vai al Comunicato

Risposte Negative da ANIA

In data 9 e 10 febbraio si sono tenuti, a Roma, i previsti incontri per il rinnovo del contratto nazionale della categoria. La delegazione Ania ha dato una serie di risposte, rispetto all’allegato per l’assistenza sanitaria ai funzionari, sostanzialmente negative e con qualche apertura su aspetti marginali delle richieste sindacali.

Vai al Comunicato

ANIA Scopre le Carte

Negli incontri dell’1 e 2 dicembre l’ANIA ha finalmente “scoperto le carte”. Ha dimostrato, innanzitutto, la propria indifferenza rispetto alla sorte dei colleghi della Progress, continuando a dichiararsi non disponibile a convocare un tavolo di confronto tra le Parti Istitutive del Fondo Liquidazioni Coatte Amministrative per trovare, nel merito, soluzione al problema di circa 40 persone che rischiano di rimanere senza lavoro; inoltre, è stato cancellato anche l’incontro tra le Parti, già fissato per il 3 dicembre, finalizzato alla proroga dell’accordo sul fondo LCA che scadrà il 31/12/2011. Tutto ciò ci induce a pensare che, in realtà, l’ANIA abbia dei ripensamenti su questo pilastro essenziale del sistema di ammortizzatori sociali di settore.

Vai al Comunicato

ANIA: Trattativa Rinnovo CCNL

Il 10 e 11 novembre è proseguito il confronto sulla piattaforma per il rinnovo del CCNL. In apertura della trattativa l’ANIA ha reso noto di aver ricevuto in questi giorni comunicazione da parte di quattro aziende, Europe Assistance, IMA Assistance, Filo Diretto e Alleanza Toro (per il personale ex Alleanza di produzione o amministrativo appartenente alle Agenzie Generali già ricadente sotto la disciplina del CCNAL) della volontà di invocare l’art.2 dello Statuto ANIA che consente di non applicare il nostro CCNL. Le OO.SS. hanno manifestato tutta la propria contrarietà rispetto a questa scelta, particolarmente grave nel caso di Alleanza Toro (compagnia detenuta al 100% da Generali) che pensa di continuare a non applicare il contratto nazionale ad una parte dei propri dipendenti creando così una palese discriminazione tra colleghi della stessa azienda e bloccando il processo in atto che avrebbe portato ad una omogeneità contrattuale di tutta la categoria.

Vai al Comunicato

ANIA: Iniziata la Trattativa per il Rinnovo del CCNL

Nei giorni 13 e 14 ottobre ha avuto inizio la trattativa tra ANIA e OO.SS. per il rinnovo del CCNL. Nella prima sessione le imprese hanno insistito nel sottolineare la criticità del contesto economico-sociale in cui ci troviamo e le incertezze sul futuro del nostro settore. In altre parole, hanno fortemente richiamato la necessità di una “compatibilità” delle nuove previsioni contrattuali con l’attuale stato del mercato assicurativo, sia dal punto di vista economico che normativo (in particolare, con una domanda di maggiore flessibilità e fungibilità dei lavoratori di tutte le aree aziendali), giudicando – in questo senso – le richieste contenute nella nostra piattaforma “assolutamente incompatibili”. La risposta unitaria delle Organizzazioni Sindacali è stata molto ferma: sono state ribadite “in toto” le nostre istanze e la loro congruenza con l’attuale situazione del settore e con le sue prospettive future.

Vai al Comunicato