Intesa SanPaolo: Trimestrale Area Lombardia Sud Est

fisac71Per via della complessità della fase riteniamo importante ORGANIZZARE IL CAMBIAMENTO. La netta impressione è che ci siano ampi margini di miglioramento: sia nell’ambito del ridisegno del gruppo e della rete che in quello della gestione del personale. In assenza di veri decentramenti gestionali e di una efficace semplificazione della catena di comando avremo le armi spuntate per affrontare la crisi.

Scarica il Comunicato

Annunci

Intesa SanPaolo: Assemblee dei Lavoratori

Questo il calendario delle Assemblee unitarie dei lavoratori di Intesa SanPaolo convocate nella Provincia di Cremona col seguente ordine del giorno:

Illustrazione e votazione dell’ipotesi di Protocollo su occupazione e produttività
Accordo del 19/10/2012

CASALMAGGIORE e zone limitrofe
Giovedì 22 Novembre 2012 dalle ore 14.30 alle ore 17.00
presso la FILIALE INTESASANPAOLO – Via Centauro 1 – Casalmaggiore (Cr)

CREMA e zone limitrofe
Venerdì 23 Novembre 2012 dalle ore 14.30 alle ore 17.00
presso ORATORIO S. LUIGI Via Bottesini 4 a – Crema (Cr)

CREMONA e zone limitrofe
Lunedì 03 Dicembre 2012 dalle ore 14.30 alle ore 17.00
presso il CENTRO PASTORALE SALA GROSSI – Via S. Antonio del Fuoco 9 – Cremona

Intesa SanPaolo: Incontro Area Lombardia Sud Est

Il 30 ottobre 2012 si è svolto il periodico incontro in Area Lombardia Sud Est. Sul quadro d’insieme il Capo Area ha evidenziato una tenuta sugli obiettivi assegnati all’Area con il loro probabile raggiungimento e il dato di crescita indica anche un aumento delle quote di mercato; le spinte di fine anno saranno concentrate su collocamenti, impieghi a breve, previdenza e assicurazioni.

Vai al Comunicato

Intesa SanPaolo: Tra il Dire e il Mare

Anche l’ultimo confronto tenutosi a Pavia il 28 settembre con la delegazione aziendale (Area, Direzione Regionale, Relazioni Industriali, DIA, Sicurezza ci ha confermato che il copione è sempre lo stesso; uno scollamento evidente tra ciò che ci viene comunicato rispetto alle cose che accadono ogni giorno su tutta la rete della nostra area e che trovano condivisione tra le parti solo nelle intenzioni. Quando poi si devono fare interventi concreti per assicurare continuità al lavoro nelle filiali e per migliorarne le condizioni risulta evidente la spaccatura tra chi opera a contatto con la realtà quotidiana affrontando i problemi direttamente e chi non esercita questo compito.

Vai al Comunicato

Intesa SanPaolo: Accordo sul Piano d’Impresa

Nella notte di venerdì 29 luglio è stato raggiunto l’accordo in merito alle ricadute del Piano d’Impresa del Gruppo Intesa Sanpaolo. La sottoscrizione dell’intesa è giunta al termine di una trattativa molto complessa, durante la quale l’Azienda ha mantenuto per lungo tempo posizioni di forte chiusura rispetto alle nostre richieste, arrivando a dare formale termine alla procedura di confronto prevista dal Contratto Nazionale. La fermezza che abbiamo dimostrato di fronte a tale atteggiamento ha indotto l’Azienda a rivedere le sue posizioni e a consentire la ripresa del dialogo. Con l’accordo abbiamo ottenuto uscite di lavoratori volontarie e incentivate, nuove assunzioni e importanti tutele per il personale che sarà coinvolto nel processo di riconversione e riqualificazione professionale.

Vai al Comunicato

Intesa SanPaolo: Piano d’Impresa 2011-2013

Il Ceo del Gruppo Intesa Sanpaolo, Corrado Passera, ha presentato l’11/04 il Piano d’Impresa 2011/2013 e ha illustrato le logiche di maggiore capitalizzazione che hanno portato all’aumento di capitale di 5 miliardi di euro, che sarà totalmente sottoscritto pro quota dagli azionisti e da investitori istituzionali. Il Piano si sviluppa su crescita, progetti di investimenti e innovazione, riqualificazione e formazione, accompagnati da un forte controllo dei costi. Gli obiettivi, pur in presenza di una cautela nella previsione di crescita del Paese, sono sfidanti. La riduzione del cost/income dall’attuale 56,1% al 46,7% a fine 2013 (pari a –9,4 punti base) è un obiettivo ambizioso tenuto conto di ricavi che risentiranno di una ripresa debole, influenzata anche da un rialzo dei tassi.

Vai al Comunicato

Assistenti alla Clientela

C’era una volta, tra il 1990 ed il 2000, la banca che cominciava ad applicare i primi principi di marketing in maniera pionieristica per il settore: i “commerciali” andavano premiati perché portavano a casa la pagnotta per sé e per gli amministrativi (od operativi come dir si voglia). Si cominciava a vedere la componente amministrativa di un’azienda come inutile, o comunque, meno importante, meno produttiva. Poi, quando ci si accorse che per riscuotere i premi si aprivano conti a tutti e che i Clienti non contenti delle “lacune operative” chiudevano i rapporti e portavano via i patrimoni, si cercò nel corso del tempo – tanto tempo – di correggere il tiro.

Vai al Comunicato